Vai al contenuto

Una votazione cruciale per tutte e tutti

Il 25 settembre ci attende una votazione cruciale, per le donne, ma non solo. Qual è la posta in gioco?

La riforma AVS 21 vuole far sì che le donne debbano lavorare più a lungo, versare più contributi e ricevere un anno in meno di pensione. Ciò significa che le pensioni delle donne saranno tagliate complessivamente di 7 miliardi di franchi solo nei prossimi dieci anni. Questo corrisponde a una perdita annuale di circa 1.200 franchi per ogni donna.

Un’ingiustizia considerando che le donne si sobbarcano tuttora gran parte del lavoro domestico e di cura non retribuito, che la disparità salariale continua a essere una realtà e che il “soffitto di cristallo” non è ancora infranto. Ma questa votazione non riguarda solo le donne: è una questione di società. In caso di sì a questo progetto di legge si prospetta infatti l’innalzamento dell’età di pensionamento a 67 anni per tutti. La destra ha già presentato iniziative che vanno in questa direzione. Di fatto però l’innalzamento non colpirà davvero “tutti”, bensì solo quelle persone che non possono permettersi di andare in pensione anticipata. La conseguenza è un sistema pensionistico a due livelli.

Un ulteriore argomento contro questo progetto di legge è di natura economica: alzare l’età di pensionamento in questo contesto storico, con l’automazione che renderà interi settori professionali obsoleti e la produttività che continua ad aumentare, è insensato. Oggi più che mai è il momento di lavorare meno, non di più. Non dimentichiamo poi che allo stesso tempo la legge sull’AVS aumenterà anche l’IVA. Questo in una situazione economica in cui il potere d’acquisto delle persone è già fortemente sotto pressione a causa dell’inflazione, dell’aumento dei prezzi della benzina e della prospettata esplosione dei premi cassa malati. Infine è importante sottolineare che esistono misure migliori per garantire il finanziamento dell’AVS, che rendono questa massiccia riduzione delle pensioni superflua. Il PS e i sindacati hanno infatti lanciato un’iniziativa per rafforzare l’AVS attraverso un finanziamento supplementare solidale, in cui i profitti che la Banca nazionale svizzera ottiene con i tassi di interesse negativi vengono utilizzati per l’AVS. In questo modo l’AVS otterrebbe ulteriori 11 miliardi e il patrimonio della BNS andrebbe a beneficio di tutta la popolazione.

Per questi motivi vi invito a votare NO il 25 settembre: rispediamo al mittente questo progetto di legge ingiusto!

Articolo apparso sul Corriere del Ticino il 6 agosto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: